​Via Fernando Molini 11b, Viterbo, Italy | Tel 0761/223204 | uicvt@uici.it

Assemblea straordinaria 17 Giugno 2023

ASSEMBLEE STRAORDINARIE DI SEZIONE

Istruzioni per l’uso (UICI Presidenza Nazionale Comunicato n° 53)

 

Chi ha diritto di partecipazione e di voto

Hanno diritto a partecipare all’Assemblea con tutte le prerogative e i diritti di votare, i soci iscritti e in regola con il pagamento delle quote associative alla data di svolgimento dell’assemblea stessa.

Al socio effettivo o tutore moroso, sospeso dall’attività associativa, va comunque inviato l’avviso di convocazione all’Assemblea, ma lo stesso, potrà esercitare i propri diritti di socio solo se si metterà in regola con il pagamento della quota associativa dell’anno in corso e di eventuali altre annualità pregresse non ancora pagate.

 

Chi ha diritto a essere candidato, votato, eletto

Possono essere candidati, votati ed eletti, i soci effettivi e tutori, purché in regola con il pagamento della quota associativa dell’anno in corso e di eventuali quote pregresse non ancora pagate.

Non è eleggibile chi non è in godimento dei diritti civili e politici.

 

Assemblea sezionale straordinaria

Si terrà entro il 9 luglio 2023.

È convocata dal Presidente della Sezione territoriale, previa delibera del Consiglio sezionale ed è valida in prima convocazione quando sia presente la metà più uno dei soci effettivi e, in seconda convocazione, qualunque sia il numero degli intervenuti.

La seconda convocazione può avere luogo anche dopo un’ora dalla prima.

L’assemblea È convocata mediante avviso scritto da inviare a tutti i soci, anche se non in regola con l’iscrizione.

L’avviso, da inviare almeno quindici giorni prima della data di svolgimento, come stabilito dal Consiglio Nazionale in deroga, do- vrà contenere l’indicazione del luogo, del giorno, dell’ora della prima e della seconda convocazione, nonché l’ordine del giorno dei lavori.

Va prevista anche la possibilità per i soci di partecipazione e votazione a distanza, tramite piattaforma “ZOOM” e seggio elettro- nico reso disponibile dalla Presidenza Nazionale.

I soci che partecipano all’assemblea in modalità a distanza, hanno diritto di parola e di voto.

 

L’avviso di convocazione deve indicare, inoltre:

  1. una o più persone delegate dal Consiglio Sezionale a raccogliere le firme per la presentazione delle liste e delle candi- dature, inclusi giorni e orari utili per firmare;
  2. il numero dei delegati da eleggere, in base al numero di soci in regola con il tesseramento al 31 dicembre 2022;
  3. la possibilità per il socio di votare a distanza attraverso la ricezione di una email con un link esclusivo, unico e stretta- mente personale che va segnalata dal socio alla segreteria della sezione almeno 5 giorni prima della data di convoca- zione dell’Assemblea.

Il Presidente Nazionale o un suo delegato, il Presidente Regionale o un suo delegato, ha facoltà di intervenire all’Assemblea e di prendere la parola. Il nominativo della persona eventualmente delegata va comunicato per iscritto al Presidente della Sezione prima dell’inizio dei lavori assembleari.

 

L’Assemblea:

  • elegge a scrutinio palese il proprio Presidente e Vice Presidente, tre questori vedenti e non meno di cinque scrutinatori, di cui due non vedenti o ipovedenti, purché in grado di leggere e scrivere in Braille;
  • elegge i delegati al Congresso Nazionale nella seguente misura:
  • un delegato ogni 400 soci o frazioni superiori a

Per la definizione del numero dei soci, si considerano le iscrizioni in regola con il pagamento della quota associativa del 2022.

I Presidenti delle sezioni con meno di cento soci al 31 dicembre 2022 non partecipano al Congresso quali componenti di diritto. Essi, pertanto, possono essere candidati e delegati.

Il Presidente Sezionale apre i lavori assembleari e certifica, sotto la propria personale responsabilità, l’elenco con il numero de- gli aventi diritto al voto e con il numero dei delegati da eleggere, calcolati in base alla documentazione agli atti della sezione che dovrà risultare congrua con i dati presenti nel registro “Anagrafico Unico Nazionale”.

La conta dei voti per l’elezione del Presidente dell’Assemblea viene eseguita da tre persone vedenti designate dal Presidente Sezionale.

 

Il Presidente dell’Assemblea:

  • nomina il Segretario dell’Assemblea;
  • dirige i lavori assembleari;
  • dirime eventuali controversie assembleari;
  • vigila sul buon andamento delle operazioni elettorali;
  • proclama gli eletti;
  • sottoscrive il verbale dei lavori assembleari redatto sotto la sua responsabilità dal segretario, in triplice copia, sulla base di un facsimile unico prodotto e reso disponibile dalla Sede Nazionale e qui accluso, che firma in ogni
  • Delle tre copie del verbale, la prima resterà agli atti della Sezione, la seconda dovrà, entro dieci giorni, essere rimessa alla Presidenza Nazionale e la terza al Presidente Regionale competente per

 

Candidature e liste

Le candidature sono di norma formalizzate mediante la presentazione e la sottoscrizione di liste.

In presenza di una sola lista, o in assenza di liste, è consentita la presentazione di candidature singole.

Le liste e/o le candidature singole devono essere sottoscritte presso gli uffici sezionali alla presenza di persona specificamente incaricata dal Consiglio Sezionale, oppure davanti a un notaio o altro pubblico ufficiale abilitato.

Le liste devono essere depositate presso la segreteria sezionale entro le ore 12.00 del decimo giorno precedente l’Assemblea (es.: data assemblea 28 giugno 2023; termine di presentazione delle liste ore 12.00 del 18 giugno 2023).

 

Sottoscrittori e candidati, all’atto rispettivamente della sottoscrizione di presentazione e dell’accettazione della candidatura, de-

vono essere soci in regola con il tesseramento 2023 e con il pagamento di quote di annualità precedenti, eventualmente dovute.

Le liste e/o le candidature singole devono essere sottoscritte:

  • per le Sezioni fino a 250 soci da almeno 10 soci;

La lista deve comprendere un numero massimo di candidati non superiore al numero dei delegati da eleggere, aumentato di un terzo, arrotondato per eccesso, e un numero minimo non inferiore ai due terzi.

Esempio, presentazione di lista per eleggere

  • 1 delegato: 2 candidati (una donna e un uomo); min. 1 candidato;

Nella composizione delle liste e nella espressione del voto, deve essere assicurata la rappresentanza di genere in misura non inferiore a un terzo dei candidati. Per il calcolo, il totale dei candidati va diviso per tre e arrotondato per eccesso.

Non è ammesso candidarsi in più liste.

Per ciascuna lista va nominato un rappresentante di lista.

Le liste regolarmente presentate, sono numerate per sorteggio alla scadenza dei termini di presentazione, a cura del segretario sezionale o di persona incaricata dal Consiglio sezionale, alla presenza dei rappresentanti di lista.

 

Come si vota

In caso di presentazione di una o più liste, possono essere espresse preferenze per non più di un terzo dei componenti da eleggere, arrotondato per eccesso, comunque tutti appartenenti alla stessa lista.

Nel caso di presentazione di una sola lista e di candidature fuori lista, le preferenze possono essere espresse o per i candidati appartenenti alla lista o per i candidati fuori lista, mai per entrambi, sempre nel predetto limite di un terzo dei componenti da eleggere, arrotondato per eccesso.

Preferenze espresse sia per candidati della lista sia per quelli fuori lista, comportano l’annullamento del voto.

In assenza di liste, ogni socio potrà esprimere libere preferenze fino al numero dei delegati da eleggere, sempre nel rispetto del- la rappresentanza di genere, se dovuta; ossia quando si debba eleggere più di un delegato.

In caso di elezione di un solo delegato, infatti, la preferenza può essere espressa indifferentemente, per un uomo o per una donna.

In caso di elezione di due delegati, se vengono espresse due preferenze, esse devono andare a un uomo e a una donna. E così via.

Per votare, ciascun socio votante può, a propria scelta, avvalersi della scrittura in Braille o di quella usuale, cosiddetta in “nero”. Per il voto a distanza, il socio si avvarrà del proprio dispositivo digitale: computer, tablet,

smartphone, secondo le istruzioni fornite dalla Presidenza nazionale per il funzionamento del seggio elettronico.

Per esprimere il voto a distanza, il socio dovrà collegarsi al link unico, esclusivo e personale contenuto nella email che riceverà all’apertura del seggio.

Il socio votante può inoltre avvalersi di un assistente personale.

Il presidente del seggio deve accertarsi che ciascun assistente non assista più di due votanti.

Sotto la responsabilità del Presidente dell’Assemblea, le votazioni dovranno garantire la segretezza del voto e la libertà dell’elettore.

Per consentire il voto a distanza, la segreteria sezionale avrà cura di compilare, nell’Anagrafico Unico Nazionale, il campo “email/posta elettronica” del socio interessato, provvedendovi almeno 96 ore prima (4 giorni) della data e dell’ora della prima convocazione dell’assemblea.

La segreteria della Sezione avrà cura, inoltre, sempre entro il limite di 96 ore precedenti (4 giorni) l’ora della prima convocazio- ne, di comunicare alla Presidenza nazionale l’elenco dei soci che intendono avvalersi del seggio elettronico, per predisporre per tempo la corretta procedura di voto segreto a distanza.

Il Presidente del seggio, prima dell’inizio delle operazioni di voto, comunica in Assemblea il numero delle liste presentate e i nominativi dei candidati di ciascuna lista o di singole candidature, ove presenti.

In ogni cabina devono essere presenti i nominativi dei candidati e i numeri delle liste, in Braille e a caratteri ingranditi.

Il Presidente dell’Assemblea garantirà la libertà dell’elettore, impedendo eventuali azioni di disturbo nelle adiacenze del seggio e allontanando i disturbatori durante le operazioni di voto.

La segreteria sezionale, prima dell’inizio delle operazioni di voto, fornirà al presidente del seggio, l’elenco dei soci preventiva- mente registrati per il voto a distanza, i quali si avvarranno del seggio elettronico.

Per il voto a distanza, all’apertura delle operazioni di voto, ciascun elettore riceverà, all’indirizzo di posta elettronica prescelto e indicato nell’Anagrafico Unico Nazionale, una email con le istruzioni per votare e il link esclusivo, unico e personale per accede- re al sistema di votazione.

Il seggio elettronico per il voto a distanza si chiuderà novanta minuti dopo l’inizio delle operazioni di voto in Assemblea.

 

Spoglio delle schede e attribuzione di voti e preferenze

Al presidente del seggio, a cura del seggio elettronico, verrà recapitato il file con tutte le schede votate che dovranno essere stampate e scrutinate insieme a quelle del voto tradizionale.

 

Nullità totale del voto

Il voto è annullato totalmente nei seguenti casi:

  1. quando presenta scritte, indicazioni o segni tali da far ritenere in modo inoppugnabile che l’elettore abbia voluto farsi identificare e far riconoscere il proprio voto;
  2. quando la volontà dell’elettore si è manifestata in modo non univoco e non c’è possibilità di identificare il candidato o la eventuale lista nemmeno attraverso il voto di preferenza;
  3. nel caso siano espresse più preferenze di quanto consentito, ovvero preferenze per persone non candidate, ovvero preferenze per candidati di liste

 

Nullità delle preferenze espresse

I voti di preferenza dovranno rispecchiare le proporzioni relative alla rappresentanza di genere, in ragione di almeno un terzo e due terzi, con cifre decimali arrotondate per eccesso.

In caso contrario, tutte le preferenze saranno annullate, ma rimarrà valido l’eventuale voto di lista. La nullità di singoli voti di preferenza non annulla il voto alla lista.

Al contrario, la nullità del voto di lista determina, in ogni caso, la nullità dei voti di preferenza.

 

Conta dei voti

Occorre procedere in modo distinto a una conta dei voti ottenuti da eventuale lista e delle preferenze ottenute dai candidati all’interno della lista.

Un voto alla lista si somma ai voti di lista, ma non assegna alcuna preferenza. Il voto di preferenza assegna invece anche il voto alla lista di appartenenza.

I voti ottenuti dalla lista determinano il numero di delegati eletti in quella lista.

I voti di preferenza serviranno solo a compilare la graduatoria interna dei candidati di ciascuna lista. In base ai voti ottenuti, gli eletti vengono ripartiti, nel modo seguente:

  1. in assenza di liste, secondo la graduatoria compilata in base ai voti ottenuti da ciascuno;
  2. in presenza di una sola lista e di candidature fuori lista, la lista ottiene un numero di eletti proporzionale ai voti. In caso i voti risultino in numero inferiore a due terzi, la lista ottiene comunque i due terzi dei delegati da eleggere. I posti even- tualmente rimanenti, vengono attribuiti in base alla graduatoria delle candidature fuori lista;
  3. in presenza di due liste, i delegati vengono ripartiti proporzionalmente ai voti, ma con riserva di un minimo dei due terzi per la lista che ha ottenuto la maggioranza dei voti;
  4. in presenza di più di due liste, i delegati vengono ripartiti proporzionalmente in base ai voti ottenuti da ciascuna lista. Alla lista che ha ottenuto il maggior numero di voti, anche se in misura inferiore ai due terzi, sono riservati, tuttavia, i due terzi dei delegati.

In caso di parità di voti, risulta eletto il più anziano per appartenenza continuativa all’Unione. In caso di ulteriore parità, risulta eletto il più anziano di età.

L’anzianità associativa si calcola dalla data di iscrizione, considerando solo gli anni per i quali è stata pagata la quota associati- va, ancorché in ritardo.

A pena di decadenza, entro otto giorni dalla proclamazione, gli eletti devono dichiarare per iscritto la loro accettazione dell’elezione e il possesso dei diritti civili e politici, mediante apposito modulo che sarà reso disponibile sul sito istituzionale della Sede nazionale UICI.

I nominativi dei delegati al Congresso eletti dalle Assemblee e i relativi recapiti completi, nonché quelli degli altri soci che abbia- no riportato voti nelle elezioni dei delegati al congresso, devono essere comunicati dai Presidenti Sezionali, sotto la propria per- sonale responsabilità, ai Presidenti Regionali e alla Presidenza Nazionale, entro dieci giorni dallo svolgimento dell’Assemblea, unitamente al numero dei soci in regola con il tesseramento al 31 dicembre 2022.

Post correlati

Dacci il 5!

C’è un modo semplice per sostenere i nostri progetti: al momento della dichiarazione dei redditi destina il tuo 5x1000 all’Unione Italiana dei...

leggi tutto